334 visitatori online

Maledetti, vaffa, ma non era a porte chiuse? Mettete in isolamento Cellino, Lega Italiana FdP, che sfiga, ma non l'ha tirata la gomitata non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto non è giusto. Credo che il registro di ogni fratello granata sia stato questo dall'autogol di Glik ad almeno quarantotto ore dopo la fine della partita pirotecnica di Cagliari.

 

Ho incontrato il capitano, Rolando Bianchi, al supermercato, robe da matti. Uno finisce di lavorare và a comprarsi le due tre cose che servono per cena e davanti al patè d'olive taggiasche trova il bomber che da anni lo fa godere durante le partite di pallone. Penso di essere un privilegiato, poi mi dico che alla fin fine è essere umano pure lui e sarà andato milioni di volte a farsi la spesa anche lui, ergo l'hanno già incrociato in tanti, quindi la cosa si trasforma nel grande classico, ma quella se la sono fatta tutti, e per fortuna non sono uno di quelli che si ritrova a dire: a parte me! Vabbè, il nostro ha comprato patè d'olive, sottaceti e altre varie ed eventuali che non sto a raccontarvi. Ha anche parlato di Toro con un paio di anziani e vispi signori. E ha anche fatto capire che non resterà. Non posso dire le parole testuali perché curo una rubrica e non devo fare news, e nel caso specifico voglio andare oltre. Voglio tornare a Torino Atalanta anche. Questa gara che ha visto il numero nove di nuovo sugli scudi, capace di sfoderare una gara generosa e più volte vicina al goal. Fino a Inter Toro si diceva che ormai con Meggiorini Barreto eravamo a posto e che appena Bianchi entrava la manovra perdeva brillantezza. Io dico, ma aspettare?

 

C'è chi allo stadio, o davanti alla televisione, se la trasferta è impossibile da effettuare,  perde completamente il lume della ragione. Con spirito autocelebrativo ammetto che noi tifosi siamo i primi della lista in questa speciale categoria. Siamo gli stessi che stravedono per Camillo Glik, che vediamo in Rolando Bianchi uno dei migliori attaccanti di sempre, non ci importa della tecnica, non guardiamo sempre il dribbling stiloso. Noi del Toro amiamo l'ardore, l'impegno, chi getta il cuore oltre l'ostacolo. Questa è storia, non sto svelando niente a nessuno, manco a me. E non credo di fare l'impertinente se dico di sapere benissimo che il primo tempo di Udinese Toro ci ha visti schiacciati sul divano, con i gesti scaramantici di rito applicato a ogni folata di Di Natale e compagni.

 

Fortino Sampdoria blocca torello Toro sospinto dal trenino Danilo D'Ambrosio e poco altro. Ho letto qua e là che siamo inconcludenti e abbiamo creato poco, da dire ho che invece abbiamo dimostrato personalità riuscendo nel primo tempo a far crollare il muro difensivo eretto da Delio Rossi, manco fossimo il Barcellona, poi è chiaro che una partita così poteva sbloccarsi solo con un episodio ed è chiaro che non avendo Aguero o Torres non è che possiamo lamentarci se a volte siamo un po' vorrei ma non posso. Io sono contento così, la partita ha decretato una giusta parità, ma altrettanto mai siamo stato a rischio tracollo.

 

Vedere gli undici torelli adoperarsi a testa alta e, con chirurgica presenza tattica e agonistica, al fine di subentrare con intenzioni dispettose negli orifizi dei biscioni, bhé se non è libidine questa poco ci manca. Ho evitato di espormi dopo il Pescara perché l'esaltazione si era impadronita di me e sapevo che avevamo giocato contro nessuno. Fratelli granata, per una settimana abbiamo atteso di poter dire, 'ok adesso stiamo giocando a calcio e non dobbiamo più avere troppa paura', l'abbiamo fatto, una condizione che è somigliata moto al secondo appuntamento con la donna concupita. Cioè quando il primo bacio è arrivato, ma deve giungere ancora l'ora dei tamburelli sardi a letto. Strenua attesa, sin snervante. Poter dire: eccoci, siamo tornati, adesso abbiate voi paura di noi. E così è andata. Mister libidine si è vestito dei suoi migliori abiti pornografici proponendo il Toro più gagliardo di recente memoria.

 

Come molti di voi stento a star dietro a tutti i rumors di mercato che si alternano in queste ore, momenti in cui la finestra del calciomercato è aperta. Direi anche sarebbe il caso di chiuderla, visto che siamo a gennaio e ci prendiamo sempre malanni a sentire tutto e il contrario di tutto ai danni di coloro che dovrebbero almeno tentare di sentirla addosso sta benedetta maglia per cui tifiamo. Il nostro capitano da tre anni ormai è dato per dissidente, partente, sicuramente in campo astiosamente, ma che partite guardate?, vai a capire perché poi la butta dentro solo lui… Il migliore giovane di prospettiva che abbiamo, Sansone, lo facciamo giocare cinque minuti a partita e riusciamo a far battere le punizioni a Bianchi, che a parte il siluro contro di noi quando militava nella Reggina, poi ha sbiellato il mirino, puntandolo sui piedi della barriera o in curva. Se ci mettiamo le magie di Giuseppe Vives da mezz'ala, vai a capire perché non è stato messo nella lista di nomi in lizza per il Pallone d'Oro, e quel rapace di nome Riccardo Meggiorini, il quadretto da psicodramma è bello e finito.

 

Catania Toro rappresenta il classico digestivo di troppo dopo un Capodanno di bagordi ben assortiti e anche sufficientemente smaltiti. Passi il pomeriggio brillo e divertito a pensare se bere quel bicchiere in più che potrebbe regalarti quel quid d'allegria e incoscienza, oppure accontentarti di quello che è già stato ingurgitato e fare a meno di tutto il resto. L'ingordigia però vince quasi sempre su tutto il resto, allora organizzi la serata: sedie davanti alla televisione e già ti rendi conto che l'azzardo lo pagherai caro quando vedi che Meggiorini e Vives saranno in campo a dispensare la loro acidità e bollore inutile.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Succ. > Fine >>
Pagina 1 di 8
Segui i risultati del Toro su Risultati.it

 

© 2014 INFOTORO.IT - E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI



InfoToro.it   Designed by BIT4WEB