206 visitatori online

La sconfitta infrasettimanale nella “fatal Verona” (un punto in due partite), riporta con i piedi per terra un po’ tutti. L’ottimo inizio di stagione aveva, ingolosito un ambiente incapace di pensare in grande ormai da tempo immemorabile, di conseguenza la battuta d’arresto nella trasferta del Bentegodi ha un pochino il sapore del bel sogno che evapora al suono brusco della sveglia mattutina, quando lentamente torniamo alla realtà quotidiana.

 

Verona, sponda Hellas, fa da prologo, con tanto di foratura (Irrati & co. in pieno stato confusionale) ad una settimana paragonabile ad una cronoscalata. Una settimana cioè da vivere tutta d'un fiato: intensa, di media difficoltà, senza vette da gran premio della montagna, ma, proprio per questo, gravata dalla necessità di alzarsi sui pedali e spingere al massimo per conquistare più punti possibile.

 

Inizio migliore non poteva esserci. Tre vittorie in fila, nelle prime tre uscite ufficiali è cosa al di fuori della normalità per il tifoso granata. Tifoso che si stropiccia gli occhi, incredulo guardando una classifica che parla di un Torino a punteggio pieno a fronte del, ben poco lusinghiero score maturato sull'opposta riva del Po.

 
Visto da Est - Viola, esame da grandi
 E-mail

Buona la prima. Il Torino riprende la nuova stagione laddove aveva concluso quella vecchia. Infrangendo tabù. Certo non quello più complicato, ne quello più atteso e, d’altro canto, negli ultimi vent’anni doveva averne accumulati davvero parecchi se si estendevano sino all’imbattibilità del campo frusinate.

 
Visto da Est - La faccia pulita
 E-mail

Finalmente, è proprio il caso di dirlo, si riparte con il calcio giocato. Quello in cui il Torino viene beatamente snobbato da tutti i grandi media nazionali, ai quali, chissà perché, un Torino forte ed in crescita come quello attuale, pare dare un po’ fastidio. Diciamocela tutta, eravamo un po’ stufi di leggere ogni giorno che qualcuno dei migliori fosse sul piede di partenza, anzi già pronto a disfare la valigia nella nuova destinazione, spesso più per volontà dei suddetti media che della dirigenza granata: “ma come il Torino non vende Maksimovic al Napoli facendoci perdere la vendita di centinaia di copie già pronte per essere mandate in stampa? Robe dell’altro mondo!”

 
Visto da Est - Problema portiere
 E-mail

Correva il 19 marzo del duemila, derby della Mole numero 176, minuto 23’, parziale di 0-0: Massimo Brambilla con un gran destro dai trenta metri, che si infila all’incrocio dei pali, supera l’esterrefatto Bucci! Sino a mercoledi scorso era questo l’autogol più incredibile subito dal Torino.

 
Visto da Est - Ora o mai più
 E-mail

La strana domenica senza calcio dei tifosi granata si è, alla fine, rivelata incredibilmente positiva. Due sconfitte per le genovesi ed un pareggio (che in realtà è una mezza sconfitta) per l’Inter, con la sola eccezione della vittoria della viola (ma la quinta sconfitta consecutiva... in casa... contro il Cesena... sarebbe stato chiedere troppo alla buona sorte), senza contare l’ennesimo passo falso del Milan, probabilmente già fuori dei giochi.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 9 di 30
Segui i risultati del Toro su Risultati.it

 

© 2014 INFOTORO.IT - E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI



InfoToro.it   Designed by BIT4WEB