424 visitatori e 2 utenti online
Banner

Due risultati importanti quelli colti dal Torino contro Verona e Sampdoria, che garantiscono il secondo posto solitario per cui possiamo solo godere ed anche un futuro, nella stagione, che al momento pare roseo, non tanto per l'attuale situazione di classifica, quanto per la forza di gruppo che la squadra di Ventura sta mostrando di avere. Non è una buona ragione per fare voli pindarici, ma ciò non toglie che tale situazione sia quantomeno ideale per un tifoso del Toro.

 

E' la settimana delle stupidaggini, come spesso accade dopo la sosta. Si parte dalla Juventus che insiste nel chiedere il risarcimento multimilionario per danni morali con tanto di condanna definitiva da parte della Cassazione su Moggi e Giraudo, con il primo pure peggiorato nella propria posizione (altro che caprio espiatorio nel processo di Calciopoli, come da anni sostenuto da alcuni quotidiani sportivi piemontesi di cui non faccio nomi).

 

E' probabile che non capirò mai le scelte tecniche di alcuni allenatori, così come quelli del commissario tecnico. Il solo calciatore convocato in nazionale azzurra con la maglia del Torino è il portiere Daniele Padelli. Ora, con tutto il rispetto per il nostro estremo difensore titolare, gli erroracci delle ultime due stagioni non dovrebbero portare ad un simile premio. Essendo però un calciatore del Torino, che piaccia o meno, rimane l'orgoglio della convocazione, a maggior ragione perché l'unica.

 

Nell'augurare un'ottima stagione quanto ricca di soddisfazioni al Torino di Giampiero Ventura, questo nuovo capitolo comincia con una nota polemica avverso la Rai, che da anni seguita nell'assurdo trattamento negativo e provocatorio in direzione dei colori granata, non ultima la gara di Coppa Italia contro il Pescara, vinta meritatamente e nettamente per 4-1.

 

Due stagioni fa è stato acquistato con l'intento di occupare il posto di numero dodici (ruolo impiegato sempre in carriera, ad eccezione di una stagione in LegaPro con il Pizzighettone), salvo poi trovarsi a difendere i pali per la squalifica del titolare belga Jean Francois Gillet in seguito alle brutte vicende del calcioscommesse.

 

Chi lavora regolarmente non pretende che i calciatori si presentino in sala stampa mostrando una conoscenza culturale chissà quanto accentuata (qualcuno c'è ma si contano sulle dita della mano), ma neppure che si professino amenità colossali come quelle pronunciate ieri da Alessandro Florenzi, calciatore ricco di talento e fondamentali ma solo sul campo, diversamente necessiterebbe di un guinzaglio e almeno una museruola.

 

La stagione del Torino è lo specchio di ciò che è stato fatto in estate, vale a dire peggiorare la squadra in quello che era il suo reparto trainante non intervenendo dove invece assolutamente necessario, vale a dire il centrocampo. Regista, questo sconosciuto, verrebbe da dire, con Ventura capace di alternare solamente Gazzi e Vives in un ruolo in cui servono qualità che a loro mancano completamente.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 4 di 17
Segui i risultati del Toro su Risultati.it

 

© 2014 INFOTORO.IT - E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI



InfoToro.it   Designed by BIT4WEB