368 visitatori e 4 utenti online

Chi durante questo estenuante mercato non ha sognato la squadra perfetta? Quella imbottita di campioni, di tanti nuovi beniamini da incitare o da criticare quando è il caso? Tutti noi tifosi del Toro seppure pessimisti, catastrofisti, vittimisti, fra un pensiero cattivo e l’altro nei confronti dell'amato/odiato Cairo, abbiamo sperato che si avverasse l’imprevedibile, l’impossibile, ossia la creazione di una squadra in grado di arrivare a ridosso delle prime della classe. Ebbene non sarà così.

Dobbiamo essere ben consci di chi siamo e da dove veniamo e quindi forse un bagno di umiltà non ci farebbe male, l’obiettivo deve essere conservare la categoria. Ventura per primo affermava che questa squadra non dovesse essere smantellata, sennò a cosa sarebbe servito il lavoro dell'anno scorso? Si sarebbe dovuto ricominciare daccapo. 

Era necessario migliorare qualitativamente lo zoccolo duro che l’anno scorso ha vinto il campionato di B ed è innegabile che il portiere esperto sia arrivato, i centrocampisti e gli esterni di categoria indispensabili al gioco del tecnico altrettanto, ora quello che manca è sotto gli occhi di tutti, inutile parlare di un terzino sinistro quando in rosa ce ne sono già due e di un regista come Almiron, probabilmente infatti aggiungendo una seconda punta di movimento con una buona propensione al gol, la squadra potrà dire la sua. Tutto il resto sono congetture giornalistiche finalizzate a vendere i giornali. Ma come? A destra ci sono due esordienti che insieme non fanno quarantacinque anni e tutto va bene mentre a sinistra c’è chi al tanto rimpianto Parisi a Bari lasciava posto solo in panchina e in crescita di forma fisica, un 27enne dalle grandi prospettive oltre che dall'esperienza internazionale (57 anni in due) e tutti aspettiamo un rinforzo? Bisogna essere coerenti e soprattutto obiettivi, anche perché non è da una partita che si può giudicare la forza di un giocatore e non dobbiamo dimenticare che Masiello era il terzino sinistro del Bari delle meraviglie Venturiano.

Senza andare a scomodare campioni del calibro di Policano, il giocatore ha esperienza da vendere sebbene non sia un fuoriclasse e tra l’altro è stato fortemente voluto dal mister lo scorso gennaio, lasciamogli dunque almeno il tempo di mettersi in nostra prima di bocciarlo e non dimentichiamo che Caceres è ritenuto dagli esperti di mercato un buon giocatore.

Per quanto riguarda il regista di esperienza si può ben comprendere che se Ventura l’avesse considerato imprescindibile sarebbe arrivato prima o al posto di Gazzi, considerato l’investimento fatto per quest’ultimo, anche alla luce del fatto che il prezzo di Almiron risulta essere più basso di quanto speso per il rosso motorino granata, quindi o per una questione di soldi Ventura ha dovuto sceglierne uno dei due, valutando quindi il mediano più funzionale al proprio gioco oppure non ha mai richiesto il regista e quindi quello che si sente sono tutte chiacchiere da bar. In ogni caso chi doveva o poteva arrivare è arrivato e chi sostiene che manchi ancora un regista mente sapendo di mentire, non si capisce sennò perché nell'ottica di prendere un nuovo regista non si sia voluto trattenere Iori per poi lasciarlo andare in caso di buon esito delle nuove trattative.

A volte la golosità di leggere nomi nuovi non ci fa essere realisti, un conto è fare la raccolta delle figurine ben altra cosa è il mercato, soprattutto in questo momento storico, in molti vedrebbero addirittura di buon occhio l’arrivo di Mesbah, nonostante il suo deprecabile rifiuto di inizio estate, pur di avere un nome nuovo, non siamo la seconda scelta di nessuno e non è nostra aspirazione esserlo!

Ad ogni modo non si poteva pensare che sarebbero stati spesi 20 milioni di euro sul mercato e purtroppo bisogna cercare di accontentarsi, restando vicini alla squadra e alla Società per evitare di farsi del male da soli.

Certo tutto è perfettibile e magari Cairo ci stupirà e mi smentirà da qui a venerdì sera, ma per favore basta darci per spacciati prima ancora di cominciare, non fa bene a nessuno ed è poco serio.

Un ultima nota sulla partita di domenica a Siena, dove tutto sommato per essere stato l’esordio in serie A non abbiamo per nulla sfigurato (oltre a non essere stati danneggiati dall'arbitro) e fino a prova contraria un punto in trasferta, sopratutto in serie A, è tanta roba per chi ha visto la propria squadra perdere su campi come Trieste, Gubbio o Novara negli ultimi anni, vero che tutti vogliamo crescere ma un passo alla volta mio Dio!

Come detto, un bel bagno di umiltà e profilo basso, siamo il Toro è vero ma forse dobbiamo reimparare ad esserlo, a partire da noi tifosi, senza pretendere le cose impossibili, consapevoli che quanto poteva essere fatto sarà stato fatto, entro venerdì sera e nell' interesse di tutti, il tempo è galantuomo è dirà la sua a tempo debito.

 

Commenti  

 
#6 Papa Urbano I 2012-08-30 23:51
...quello agitato sei te...quindi fa male a te...il tuo nick invece è bellissimo...bongravisecondo ...
 
 
#5 bongravisecondo 2012-08-30 16:54
Citazione Papa Urbano I:
...la verità fa male...

Non mi interessa se ti fa male.Il tuo nick fa schifo.
 
 
#4 Papa Urbano I 2012-08-30 15:16
...la verità fa male...bello il tuo di nick...bongravisecondo ...
 
 
#3 vegeta 2012-08-30 13:33
Che bella lettera complimenti! Buon senso! Questo manca"......
 
 
#2 bongravisecondo 2012-08-30 12:37
Stai zitto e soprattutto cambiati quel nick. Fa schifo.
 
 
#1 Papa Urbano I 2012-08-30 12:15
CAIRO è il miglior presidente del TORO degli ultimi 30 anni...chi nn capisce questo capisce poco di TORO...in vita mia mai visto un presidente del TORO rinunciare a 15mln per un giocatore...
 
Segui i risultati del Toro su Risultati.it

 

© 2014 INFOTORO.IT - E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI



InfoToro.it   Designed by BIT4WEB