207 visitatori online
Banner

Un inizio di campionato scoppiettante con tre vittorie di fila faceva presagire una stagione quantomeno dignitosa, poi il lento degrado, fino al mercato di gennaio in cui Preziosi ha ulteriormente indebolito la squadra cedendo Rincon, Pavoletti e Ocampos rispettivamente alla Juventus, al Napoli ed al Milan.

Nel mezzo il cambio di tecnico, subito la retromarcia visto il netto peggioramento (c'era Mandorlini in panchina) ed il ritorno a Juric, l'autore della promozione storica del Crotone, che non pare comunque essere il vero responsabile di tale situazione. Un'involuzione impressionante: nel ritorno il Genoa ha conquistato dieci punti, tre dei quali nell'ultima gara interna contro una spentissima Inter, in perfetta media retrocessione. Nel complesso, il saldo in casa è negativo, con cinque successi, sette pareggi e sei ko, tra cui quelli contro squadre totalmente abbordabili come Palermo, Sassuolo e Chievo, ma pure lo 0-5 subito dall'Atalanta. Va anche detto che il Genoa rimane l'unica squadra di bassa classifica ad aver avuto la meglio della Juventus, ma questo accadde quando ancora le cose giravano per il verso giusto. Il rischio della B è concreto, per quanto il Crotone abbia ora di fronte le due finaliste di Coppa Italia, e per eliminarlo con l'ausilio dell'aritmetica servirà battere proprio il Torino. Preziosi ci crede, per convincere i tifosi a riempire lo stadio ha abbassato i prezzi a 5 € ed è molto probabile che il popolo rossoblu risponda a sostegno della causa. Un solo assente per Juric, ma determinante: il portiere Perin, la cui assenza ha provocato non pochi grattacapi al Genoa.

 
Segui i risultati del Toro su Risultati.it

 

© 2014 INFOTORO.IT - E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI



InfoToro.it   Designed by BIT4WEB