397 visitatori e 2 utenti online

La seconda competizione italiana (e non solo quella) è già stata declassata dal momento in cui si è deciso di abolire la Coppa delle Coppe, ma negli anni le varie modifiche del regolamento ne hanno assottigliato ulteriormente interesse e competitività, fino ad assestarsi a questa ridicola formula che agevola sempre le stesse squadre.

Tanto per cominciare andrebbe eliminata l'associazione con il campionato per ciò che concerne la qualificazione diretta gli ottavi di finale, ma soprattutto, cosa più assurda, la regola per cui chi è più forte, vale a dire chi nel campionato precedente ha ottenuto il miglior piazzamento, debba giocare in casa. In questo modo si spegne ogni tipo di ambizione per le formazioni che fanno del proprio stadio un fortino. Risulta pressoché inutile scendere in campo nella tana di chi davanti al proprio pubblico, vince tutte le partite, come sta accadendo a Juventus e Roma, equivale a non giocare ed a parte l'exploit "secolare" dell'Alessandria nella scorsa stagione, la semifinale rimarrà quasi sempre appannaggio delle stesse. Non che con le gare di andata e ritorno la cosa non potesse accadere ugualmente, ma se non altro si giocherebbe alla pari, permettendo ad un Vicenza qualsiasi o allo stesso Torino di alzare il trofeo con merito.

Inutile poi allargare la manifestazione alle squadre di LegaPro e CND, lanciate allo sbaraglio e già impegnate in competizioni simili per le rispettive categorie (immaginate ad esempio la Pro Settimo, dopo una eventuale cavalcata di per sé eroica, finire malamente la sua rincorsa al San Paolo contro il Napoli). Ha ragione Gasperini, questa competizione, così com'è, è chiaramente sbilanciata ed atta a favorire in modo "dittatoriale" sempre le stesse, una vergogna ai giorni nostri. Tavecchio ha inserito la Lista Italia, per certi versi probabilmente utile, soprattutto ai bilanci delle società, si ragioni per introdurre un qualcosa di equo anche per la Coppa Italia. Senza contare che in Inghilterra, la FA Cup, equivalente britannico della competizione, è organizzata in partite ad eliminazione diretta con sorteggi totalmente casuali, così come imprevedibile è la scelta di chi giocherà in casa (con ingresso equilibrato, per categoria ad ogni turno eliminatorio). Non ne gioverebbe lo spettacolo?

 

Commenti  

 
#9 max66 2017-01-12 17:09
Citazione My toro:
Per rilanciare la coppa Italia bisogna che l'UEFA modifichi le regole per l'accesso alla Champion se mettessero un posto a chi vince la coppa nazionale cambierebbe il tutto. Lo sfogo di Gasperini che credo abbia dato origine all'articolo è corretto la formula più equa è turno secco con sorteggio casuale con solo poche teste di serie o nemmeno una diventndo così più equa cosi si rilancerebbe eccome! Mi Pare Che Il mondiale a 48 squadre vada in questa direzione oltre a garantire più soldi a tutti

Effettivamente l'accesso, attraverso le Coppe nazionali, alla Champions League darebbe più stimoli. In fin dei conti sarebbe anche giusto assegnare un posto nella massima competizione europea a chi ha vinto un torneo nazionale. Ripeto, così com'è concepita la Coppa Italia é uno schifo degno di un organismo corrotto che ci ha fatto fallire nel lontano 2005 e di cui e6cambiato pochissimo, o nulla. Sempre Forza Toro.
 
 
#8 My toro 2017-01-12 15:05
Per rilanciare la coppa Italia bisogna che l'UEFA modifichi le regole per l'accesso alla Champion se mettessero un posto a chi vince la coppa nazionale cambierebbe il tutto. Lo sfogo di Gasperini che credo abbia dato origine all'articolo è corretto la formula più equa è turno secco con sorteggio casuale con solo poche teste di serie o nemmeno una diventndo così più equa cosi si rilancerebbe eccome! Mi Pare Che Il mondiale a 48 squadre vada in questa direzione oltre a garantire più soldi a tutti
 
 
#7 max66 2017-01-12 15:01
In tutto il mondo comanda chi ha i soldi, in Italia questo si sente meno, credetemi. In Italia contano di più le "conoscenze" che i soldi. La formula della Coppa Italia è da cambiare riportandola al vecchio sistema e se dovesse rimanere così tanto vale eliminare la competizione. In ogni caso penso siano discorsi inutili, non credo più al calcio italiano dal 2005.... continuo a seguirlo perché troppo innamorato del Toro.
 
 
#6 Granata On Line 2017-01-12 13:56
Per il doppio turno non ci sono date a sufficienza, a meno che non si decida di limitare la partecipazione alle 20 con le prime quattro già qualificate ai quarti di finale, ma anche in quel caso sarebbero cinque partite più le sei dei gironi.

Andrebbe benissimo la Coppa Italia ad eliminazione diretta senza teste di serie e con sorteggio di chi deve giocare in casa. Nel primo turno ci sarebbero quelle della LegaPro, poi entrerebbero tutte quelle di B ed infine tutte quelle di A.
 
 
#5 simon 2017-01-12 13:35
Citazione tric:
Grazie Vettoni! l'ho scritto l'altro giorno. Provate tutti a spingere in questa direzione, chissà che il calcio non si riavvicini allo spirito sportivo!


Sottoscrivo!!

POI mi sposterei sulla idea di Marcello; direi abbastanza mediatrice tra tutte le esigenze
 
 
#4 tric 2017-01-12 13:22
Grazie Vettoni! l'ho scritto l'altro giorno. Provate tutti a spingere in questa direzione, chissà che il calcio non si riavvicini allo spirito sportivo!
 
 
#3 Granata On Line 2017-01-12 11:55
Ma guarda Marcello, basterebbe sorteggiare chi deve giocare in casa. Non ci sarebbero neppure i problemi delle squadre della stessa città visto che si gioca in giorni diversi e pure in settimane diverse.

L'unica volta che la formula è stata inversa, ciò che in casa giocava la più scarsa, ricordo bene che lo prendemmo noi nel di dietro, contro il Fiorenzuola, lo ricordate?
 
 
#2 marcello 2017-01-12 11:50
D'accordissimo con l'articolista.
Ma si sa, in Italia (come forse...ovunque>) vincono i poteri forti, che tradotto in italiano corrente...VINCE CHI HA I SOLDI.

Prendiamo una gobba a caso: della Coppa Italia frega fino a un certo punto. Anzi, è quasi un peso. Quindi "gradisce" (e sicuramente ha fatto in modo che...) questa formula che le permette di entrare in scena solo all'ultimo...
Una partita secca E IN CASA, e via già qualificata... 4/5 partite al massimo!

Ok mettere le teste di serie, ok "agevolare" le grandi facendole entrare "un po' dopo".
Ma almeno il doppio turno! regalerebbe la giusta equità

Ma siamo in Italia... comanda chi ha i soldi e quindi... il vero potere...
 
 
#1 Granata On Line 2017-01-12 11:48
E' quello che ripeto da anni, è uno schifo, un qualcosa di vergognoso e sotto gli occhi di tutti, mirato ad una sola cosa, ostacolare la crescita delle medio piccole e per questioni evidenti di sponsorizzazion e.

E' come dire che su un bus se ci sono posti liberi devono sedersi i più ricchi. Mai vista una porcheria simile, ai limiti della denuncia.
 
Segui i risultati del Toro su Risultati.it

 

© 2014 INFOTORO.IT - E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI



InfoToro.it   Designed by BIT4WEB