455 visitatori e 2 utenti online

Vedere il Torino giocare in questa maniera è pura libidine, e non si offenda il predecessore di Sinisa Mihajlovic per il furto della definizione, la vera "Libidine", per i tifosi granata, è quella di vedere una squadra aggressiva, che faccia dell'agonismo il vero fulcro della propria esistenza, mantenendo tali fondamentali finché le gambe lo permettono in "quasi" ogni partita.

Poterlo nuovamente osservare nel Torino permette il lusso di chiudere gli occhi su taluni risultati negativi, con la consapevolezza che, giocando in questo modo e con un gruppo tanto valido, i punti, nel complesso, arriveranno. Niente di personale verso Giampiero Ventura, anzi, a lui va il sincero ringraziamento per aver permesso, con la programmazione quinquennale, di poter godere di tanto entusiasmo, ripartendo da un lavoro già esistente. Dove questo gruppo potrà arrivare lo vedremo con il tempo, ma ha ragione Mihajlovic quando dice che a questo punto del campionato i valori cominciano a delinearsi, con le solite eccezioni di outsider, come l'Atalanta, che non dispone di una rotazione tale da mantenersi a certi livelli (almeno sulla carta).

Un appunto sul quotidiani piemontese La Stampa, che nelle pagelle di oggi ha rifilato un brutale "5" in pagella al portiere Hart: francamente ci si chiede il perché debba accollare al portiere il gol subito, considerando un intervento "goffo" una discesa a terra rapidissima contro una fucilata ravvicinata di testa su cui ci è anche arrivato e per cui almeno la metà dei portieri italiani non sarebbero neppure intervenuti. Nel giudizio pesano anche alcune incertezze poi rimediate dallo stesso inglese che non hanno causato alcun danno. Commento strano per un quotidiano che sorvolava in continuazione sulle incertezze continue del suo predecessore tra cui uscite a vuoto, rilanci da incubo e gol subiti in mezzo alle mani (quasi sempre al primo tentativo dell'avversario, chiunque fosse) o sotto le gambe lasciate ridicolmente spalancate, le cui prestazioni venivano sempre premiate inspiegabilmente con la sufficienza. Come mai due pesi e due misure?

 

Commenti  

 
#6 Magomerlino1 2016-11-06 16:14
Con tutto il rispetto per i due portieri, per il "condizionato" organo di stampa torinese (e non certo torinista) e le vostre illustri opinioni, io credo che prima di insensate o stroncare il portiere inglese si debba valutare il suo operato ancora per un bel po' di partite. La "buona statistica" la si fa su campioni estesi e non su campioni ridotti. Di Hart conosciamo un ciuffetto di partite. Quando ne conosceremo un bel mazzo potremo dare giudizi più seri.
 
 
#5 Maurygranata 2016-11-06 14:50
La stamp.... e che cosa è?.... :eek: :oops: :-)
 
 
#4 marcello 2016-11-06 13:16
Hart ieri non mi è piaciuto. Per poco non fa una frittata. (Palla che è andata sulla riga di porta... un pelo mancava...)
Alterna grandi cose a errori anche gravi.

Detto questo non c'è paragone con Padelli.
Già definito più volte come forse il peggio titolare degli ultimi anni
 
 
#3 Maverick86 2016-11-06 12:03
Il giornale della Fiat...devo aggiungere altro?
 
 
#2 giovatoro 2016-11-06 10:29
Se voi incontraste un barbone coricato sul marciapiede, gli sputereste addosso o gli allunghereste 1 euro? Con Pdelli, La Stampa ha fatto lo stesso ragionamento. LO HA COMPATITO, così come si fa con un povero disgraziato
 
 
#1 Granata On Line 2016-11-06 10:19
Condivido su tutta la linea, soprattutto sul commento relativo alla "Busiarda".

Ma c'è veramente qualcuno che rivuole Padelli? Mah.
 
Segui i risultati del Toro su Risultati.it

 

© 2014 INFOTORO.IT - E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI



InfoToro.it   Designed by BIT4WEB