318 visitatori e 2 utenti online

Il match interno di ieri, vinto, contro il Chievo per due a zero è stato anche teatro di ritorni all'Olimpico di Torino. Tra i gialloblù infatti militavano Eugenio Corini, Cofie, Sergio Pellissier e ultimi solo per scelta narrativa: Stefano Sorrentino e David Di Michele. Il romanticismo è un fattore che anima da sempre e in maniera innata le persone e il calcio, diciamo le tifoserie, sono in possesso di questo valore, ostentato per ruolo appena possibile. Nulla da dire. Già nel riscaldamento il portiere gialloblù è stato accolto da applausi da parte della Maratona in fase di riempimento, poi il vero tributo al momento dell'ingresso delle squadre in campo dopo l'intervallo.

Presa posizione tra i pali, l'ex estremo difensore granata ha sentito la Maratona urlare a squarciagola il suo nome, un paio di segni col piede sulla riga dell'area piccola, curiosi i gesti del mestiere del portiere, poi Sorrentino si è voltato e ha alzato le braccia per salutare e ringraziare i suoi ex tifosi. Un bel momento, la storia infatti colloca sempre al giusto posto gli uomini, con calma, che è virtù dei forti, con il passare del tempo e con l'azzerarsi dei problemi intestini. Sorrentino sta al Toro come tante leggende che popolano il grande libro della storia granata. Sorrentino, per la cronaca, fu uno di quei calciatori che sparirono dal panorama delle Alpi con il fallimenti del fu Ciminelli. Purtroppo a volte la sfiga ci si mette di mezzo, ma non per questo bisogna smettere di volersi bene. Il portiere si è poi esposto anche sulle colonne di Twitter, regalando un pensiero ai suoi ex tifosi:"Un GRAZIE di cuore al popolo granata x l'accoglienza di oggi... Fiero di essere uno di voi!!! Auguri di buon natale!!!", il cinguettio di Sorrentino. Cosa che non è stata granché apprezzata dai tifosi del Chievo, che hanno risposto subito "dopo i 3 lasciati al Toro, leggere queste dichiarazioni fa un po' male anche se non abbiamo dubbi sulla tua professionalità", oppure "anche quando si gioca a pallaprigioniera ci si schiera si appartiene solo alla squadra dove si gioca.Tu n1 del Chievo, il tuo cuore? ".

L'ultima risposta di Sorrentino ai tifosi del Chievo è stata: "in serie A ho debuttato con il Toro e mi sembra di non avervi mai deluso in 5 anni sopratutto x la mia professionalità!!! Auguri". Se è stata una giornata di ricordi e giuste celebrazioni per il portiere, non lo stesso si può dire per David Di Michele, che dall'ombra della Mole è dovuto scappare a forza di schiaffi e minacce da parte del tifo granata, la sua colpa quella di essere indicato tra quelli che scommettevano ai danni del Toro. Le ingiurie e le offese non si sono fatte attendere di certo, il popolo del Toro ha riservato all'attaccante gialloblù un'accoglienza degna forse solo del figliol prodigo, e traditore, Federico Balzaretti. Storia di uomini diversi, c'è chi resta nel cuore e chi resta in zone meno nobili del corpo umano, laddove non battono i raggi de sole.

 

Commenti  

 
#1 Pavesio Roberto 2012-12-23 23:25
Superfluo commentare.

Lontano da Torino ci sono tanti frammenti di Cuore Toro che assieme fanno il Toro grande come nessun altro.

I gobbi lo sanno e non lo sopportano ... too bad baby :-)

FORZA TORO !!!
 
Segui i risultati del Toro su Risultati.it

 

© 2014 INFOTORO.IT - E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI



InfoToro.it   Designed by BIT4WEB